Crescere con la mente per la Serie A

Di alcuni sport percepisci le peculiarità solo quando li vedi dal vivo, come l’hockey su pista: movimenti veloci, pallina piccola, poco spazio per passaggi e tiri. Ed è qui, che ancora una volta, oltre alle doti fisiche e tecniche scendono in campo quelle mentali per essere al meglio durante gli allenamenti e le gare.

Lo sa bene Diego, 24 anni, giocatore di hockey su pista che ha messo i pattini per la prima volta a quattro anni. Quando lo abbiamo incontrato ci ha detto “Sono cresciuto tecnicamente, ho ottime capacità atletiche, mi rendo conto che per il salto di qualità devo crescere mentalmente”.

Gli abbiamo chiesto di approfondire con noi questo passaggio della sua carriera.

Quanto conta per te l‘aspetto mentale quando sei in campo?
Per me la testa conta molto, un buon 60-70% sulla prestazione. Nella mia carriera ho potuto provare momenti di massimo equilibrio tra mente e corpo con risultato favolosi, ma anche momenti di “disallineamento”: magari ero al massimo fisicamente e tecnicamente ma non riuscivo a rendere come volevo per una qualsiasi condizione mentale negativa, quelle che tutti chiamano ansia prestazione, paura, troppa pressione, o altro.

Quando hai capito che la testa fa la differenza?
All’età di 15 anni già ero un buon prospetto e avevo molti impegni: giocavo già in seconda categoria Under 17, con i più grandi dell’Under 20 e mi allenavo anche con la Serie B.
Se nella mia categoria ero in giocatore di fascia media/alta quando salivo nelle altre categorie ero molto svantaggiato soprattutto per la differenza di prestazioni fisiche tra me, ragazzo di 15 anni, i ragazzi di 18/19 o gli adulti della prima squadra.
Non mi sono mai scoraggiato e ho sempre pensato che se lo avessi voluto, avrei potuto giocare contro chiunque: mi sono iniziato a dire che ero bravo e forte quanto loro e in questo modo sono riuscito a far cose ben sopra a quello che era il mio livello, giocandomela quasi alla pari.

Quali sono le differenze che hai notato da quando lavori con un Mental Coach?
Prima facevo già alcune cose istintivamente, ora sono strutturate, abbiamo analizzato e individuato le mie abitudini e le azioni che posso fare per crescere ulteriormente.
Poi da quando lavoro con la mia Mental Coach Martina Carraro ho iniziato ad investire molto più tempo ad osservarmi ed ascoltarmi in modo utile e costruttivo.
Sostanzialmente per ora ho imparato a parlarmi meglio, ho scoperto, affrontato e superato dei limiti che non credevo di avere e che inconsciamente mi impedivano di ottenere dei risultati.
Sto imparando ad incanalare la mia energia in modo utile alla mia prestazione per essere sempre al top, e soprattutto stiamo lavorando per ottenere una prestazione costante per tutto il campionato.
In più ci stiamo allenando per arrivare preparati al mio obbiettivo personale, la Serie A.

 

istruzioni per vincere banner

Ekis Sport e OA Sport insieme per l’allenamento mentale

Ekis Sport lancia una nuova iniziativa per la diffusione delle informazioni sull’allenamento mentale nello sport.
Oltre a essere costantemente presente sui campi di gara dei principali eventi sportivi, dal mese di novembre Ekis Sport realizzerà una rubrica fissa di allenamento mentale su OA Sport – il tempio dello sport, uno dei siti sportivi più autorevoli e seguiti, vincitore del titolo “Miglior sito sportivo” al recente Overtime Festival di Macerata.

Nella rubrica fissa Ekis Sport proporrà riflessioni e informazioni sui vari aspetti dell’allenamento mentale interdisciplinare: obiettivi, gestione dello stato, convinzioni, stato di flow, come gestire vittorie e sconfitte e così via. Ci saranno anche articoli dedicati a sport specifici come approfondimenti derivanti dalla cronaca sportiva.

Livio Sgarbi, Presidente di Ekis – The Coaching Company, a capo della Business Unit Ekis Sport, dichiara “Come ha già fatto Ekis per il Coaching, anche la nostra divisione sport è giornalmente impegnata a diffondere informazioni corrette e utili sull’allenamento mentale nello sport. Abbiamo il desiderio che un sempre maggior numero di persone sia soddisfatta della sua attività sportiva indipendentemente dal livello a cui la pratica. Con OA Sport condividiamo una filosofia di una nuova visione dello sport e della cultura sportiva e siamo quindi felici di intraprendere questa nuova esperienza”.

Enrico Spada, Presidente editore di OA Sport, dichiara Lo sport, in tutte le sue sfaccettature è il ‘core business’ di OA Sport e siamo noi i primi a gioire quando un atleta italiano ottiene dei grandi risultati a livello internazionale quindi non potevamo non appoggiare un progetto che supporta l’atleta in un aspetto sempre più importante come quello psicologico e mentale. Quante volte abbiamo commentato protagonisti dello sport dalle grandi potenzialità ma senza l’adeguato supporto psicologico: l’allenamento mentale, dove praticato con efficacia e continuità, ha portato risultati importanti e poter contribuire nella diffusione di questa pratica, dando spazio a docenti specializzati nel nostro sito, per noi è un onore”.

Qui il primo articolo pubblicato su OA Sport

 

Maratona di Milano

Ekis Sport partner della Maratona di Milano

Ekis Sport prosegue la sua attività per diffondere l’allenamento mentale ad un numero sempre più alto di sportivi agonisti ed amatoriali. Dopo la Fisherman’s Friend StrongmanRun, la più famosa Obstacle Race d’Europa, prosegue la partnership con RCS Sport anche per la Maratona di Milano 2019.

Per la prima volta in assoluto, Ekis Sport e RCS Sport renderanno disponibile “Correre con la testa”, il primo programma completo di allenamento mentale per sportivi, direttamente incluso nell’iscrizione di una Maratona.

L’obiettivo è rendere l’attività sportiva il più completa e appassionante possibile, consentendo agli iscritti di vivere l’evento appieno, dando il meglio di sé e soddisfacendo le aspettative personali: chi ha un obiettivo cronometrico, chi è un appassionato, chi lo ha immaginato come una sfida con sé stesso.

Un programma di allenamento mentale dedicato sarà disponibile anche agli iscritti della Staffetta e della School Marathon.

Livio Sgarbi, Presidente di Ekis – The Coaching Company, a capo della Business Unit Ekis Sport, dichiara “Oltre a proseguire con successo il nostro programma di Sport Coaching specifico per gli atleti e le squadre a livello professionistico, abbiamo come missione quella di portare i benefici dell’allenamento mentale a tutti gli sportivi agonisti ed amatoriali. Siamo convinti che vivere lo sport nella sua forma più completa e appagante sia un grande stimolo alla crescita personale e sociale. Siamo entusiasti di aver trovato in RCS Sport il partner con il quale condividere questa visione comune e con il quale progettare attività innovative per gli sportivi”.

Il programma per la Maratona

Alla Maratona di Milano 2019 Ekis Sport sarà presente con uno staff di 30 Sport Mental Coach.
Il programma di allenamento mentale è il risultato di anni di esperienza di Ekis Sport al servizio di atleti professionisti e siamo felici e orgogliosi che possa essere utile ad un numero sempre più alto di sportivi, agonisti e amatori.
A disposizione degli iscritti ci sarà un supporto completo dall’iscrizione sino al termine della gara:

  1. dopo aver completato l’iscrizione, i partecipanti potranno accedere ad un corso di allenamento mentale online grazie al quale acquisiranno gli strumenti basi dello sport coaching;
  2. da novembre a marzo sui canali social delle Maratona Ekis Sport supporterà gli iscritti con contenuti di Sport Coaching e dirette Facebook per parlare di allenamento mentale nello sport. In questa occasione ci sarà anche ampio spazio alle domande in modo da chiarire i dubbi e fornire ulteriori strumenti utili;
  3. Al Marathon Village, nei giorni precedenti alla gara, gli Sport Mental Coach Ekis saranno presenti con workshop e, novità, con mini-sessioni di Coaching da 30 minuti riservate agli iscritti alla Maratona e prenotabili in anticipo;
  4. LIVE il giorno della gara, gli Sport Mental Coach Ekis saranno di supporto prima della partenza e con diverse postazioni dai 25km in poi lungo il percorso.
StrongmanRun

Ekis Sport alla Fisherman’s Friend StrongManRun

Lo sport sta evolvendo, dalle discipline classiche sono nate nuove forme di attività fisica, amatoriale o agonistica che sia. Una delle più coinvolgenti è la Obstacle Race, gara in cui i partecipanti oltre a correre devono affrontare delle sfide fisiche sotto forma di ostacoli di vario tipo: scavalcare muri, salire su staccionate, portare oggetti pesanti, attraversare corsi d’acqua e così via!

Siamo orgogliosi di essere al fianco della più famosa Obstacle Race d’Europa, la Fisherman’s Friend StrongmanRun che in Italia si svolgerà sabato 22 settembre a Rovereto. Per la prima volta in assoluto i partecipanti ad una Obstacle Race avranno la grande opportunità di prepararsi seguendo un programma di allenamento mentale:

  • dopo aver fatto l’iscrizione alla gara, potranno accedere ad un videocorso online con il quale acquisiranno le basi dello sport coaching;
  • Durante l’estate sui canali social StrongmanRun gli iscritti possono contare su delle “Pillole di Sport Coaching” e delle dirette per parlare di allenamento mentale nello sport. Ci sarà anche ampio spazio alle domande in modo da chiarire i dubbi e fornire ulteriori strumenti;
  • Novità nella novità, i partecipanti avranno un supporto LIVE anche il giorno della gara, con gli Sport Mental Coach Ekis a supporto prima della partenza e anche lungo il percorso!

Ekis Sport ha già testato questo modello di affiancamento in altre manifestazioni come la 100km del Passatore, siamo felici e orgogliosi che da ora in poi possa essere distribuito su un numero sempre più alto di sportivi, agonisti o amatori che siano.

Livio Sgarbi, Presidente di Ekis – The Coaching Company, a capo della Business Unit Ekis Sport, dichiara “Dal 1995 siamo impegnati a seguire sportivi professionisti che hanno vinto medaglie e competizioni in tutte le discipline sportive. Negli ultimi anni, l’attività fisica si è evoluta e diversificata e le Obstacle Race ne sono un esempio evidente, essendo anche la metafora ideale per allenare la capacità di superare degli ostacoli per raggiungere un obiettivo, un tema centrale nel Mental Coaching. Con i nostri programmi di allenamento mentale vogliamo consentire ad un numero sempre maggiore di sportivi di ogni livello di vivere al massimo la loro attività sportiva. Per questo siamo entusiasti di essere al fianco di RCS Sport per la StrongManRun, la più famosa e diffusa Obstacle Race”.

100km Passatore 2018

100km con la mente e il cuore

Un’ultramaratona è un fiume di emozioni, difficili da confinare ad una pagina bianca, soprattutto se si tratta della 100km del Passatore, la “più bella al mondo”, l’ultra maratona per eccellenza. Noi, alla 46esima edizione “c’eravamo” e vogliamo raccontarvela attraverso gli occhi del team Ekis Sport. 

Il Passatore è l’ultramaratona più antica e famosa d’Italia che, ogni ultimo week end del mese di Maggio, parte da Firenze e, passando per gli Appennini, arriva a Faenza. La gara ha inizio alle 3 del pomeriggio e termina ufficialmente alle ore 11 del giorno successivo e sì, si corre di notte, sotto il cielo stellato e, nel corso degli anni, in qualsiasi condizione climatica, dai 36 gradi a Firenze alla neve al Passo della Colla. Il Passatore è la gara che tutti gli atleti e gli appassionati vogliono nel loro curriculum sportivo tanto che si dice “se corri una 100km sei un ultramaratoneta, se corri il Passatore sei un mito”.

La Cento è una gara storica, per certi versi epocale, tanto ha saputo farsi portatrice di cambiamento per la nostra società: per le prime edizioni, infatti, venne promossa come “camminata non competitiva” perché nel 1973 era impensabile che qualcuno potesse correre e gareggiare per 100km. Impensabile per tutti ma non per gli organizzatori che, a quel tempo, seppero essere dei veri e propri visionari.

Ancora una volta la Cento ha voluto essere pioniera ed è stata protagonista di una prima volta assoluta nello sport. Con l’aiuto di Ekis Sport, questa edizione del Passatore è stata la prima ultramaratona in cui gli organizzatori hanno messo a disposizione degli iscritti un programma di allenamento mentale prima, durante e dopo la gara.

Prima della gara

Arrivare alla partenza di un’ultramaratona preparati è fondamentale. Ekis Sport ha predisposto per i centisti un videocorso di allenamento mentale per gli iscritti al Passatore, fruibile nei mesi precedenti alla gara. I giorni prima della gara sono altrettanto importanti e, per questo, sono state predisposte, per i partecipanti, due serate di preparazione alla competizione a Faenza e Firenze, al fine di trasferire strategie mentali da utilizzare prima e durante la gara.

E poi? Anche che i minuti prima della partenza sono fondamentali: un imprevisto, una sensazione muscolare non buona, condizioni atmosferiche inaspettate; tutto si può trasformare in quella vocina depotenziante “Eh, ti è successo questo, allora andrà male” oppure “Come sempre anche oggi ci sono le condizioni peggiori della storia ” … ne sai qualcosa?

Il team di Mental Coach Ekis è stato insieme ai partecipanti sul campo di gara fino a pochi secondi prima della partenza, per aiutare a dissolvere l’ansia, per convogliare l’attenzione verso tutti gli aspetti positivi della competizione.

Durante la gara

La vera e propria novità di questa edizione è stata la presenza di Sport Mental Coach Ekis lungo il percorso del Passatore, nei due punti a più alto tasso di ritiro, il Passo della Colla e Marradi, con l’obiettivo di accogliere le difficoltà degli atleti, gli autosabotaggi della mente e trasformarli in motivazione a proseguire la gara, condizioni fisiche permettendo.

Oltre a queste due postazioni, i Mental Coach erano anche all’arrivo, non solo per raccogliere le emozioni vive dei “finisher” ma per dare supporto nella gestione del post gara. Complice la novità, il clima familiare e di collaborazione che si respira al Passatore possiamo dire di aver sperimentato magia pura, per l’empatia che ha legato gli atleti ai Mental Coach lungo tutto il percorso e anche nelle giornate successive. Ed oggi sappiamo ancora meglio cosa gli atleti pensano e vivono in una  gara come questa e sappiamo che possiamo fare la differenza ancora di più e ancora meglio per chi vuole vivere in modo appagante un’esperienza sportiva e di vita come il Passatore.

E che orgoglio affiancare, come Sport Mental Coach Ekis, un evento sportivo storico e così amato ed essere, insieme alla Cento, gli artefici di una novità assoluta nello Sport Coaching.

Vuoi saperne di più? Continua a seguirci sul nostro blog di sport coaching.

Come si comporta un atleta professionista?

Un professionista non è colui che viene pagato per fare sport.

Un professionista, secondo la mia esperienza, è colui che mette il proprio atteggiamento a favore di un sogno, di un progetto, di un team. E ogni giorno dimostra di credere in tutto questo attraverso i propri comportamenti.

Un professionista sei tu, quando segui i principi dell’Atleta con la A maiuscola.

Divertiti a riconoscerli in questa lunga lista e sentiti libero di condividere anche le tue idee nei commenti qui sotto.

Un professionista

  • è fedele ai valori della squadra/società/progetto che rappresenta e vuole essere un buon esempio: come persona prima, come atleta poi.
  • si prende cura dei dettagli e non lascia nulla di intentato. Mai.
  • arriva al campo o in pista puntuale, spesso in anticipo e prima dei compagni; durante gli esercizi esegue qualche ripetizione in più senza che l’allenatore glielo chieda; talvolta si allena da solo per perfezionarsi. Magari se ne va via per ultimo, perché oltre ad essere uno stacanovista, gli piace stare qualche minuto con i propri pensieri ad osservare il campo da gioco o la pista vuoti, in attesa di colmarsi con i prossimi obiettivi.
  • tiene il proprio materiale in ordine e si ricorda tutto quello che gli serve per allenarsi e gareggiare.
  • è una persona affidabile: quando l’allenatore gli assegna un compito, lo svolge al meglio. Con attenzione e grande responsabilità.
  • si muove come un Atleta, e sa che il corpo è il suo tempio. Quindi lo rispetta con il giusto cibo, fa stretching, si idrata. Un professionista sa che la preparazione atletica e la sala pesi sono importanti ai fini della performance: tanto più sei allenato nella resistenza, nella forza, nell’esplosività, nella coordinazione, e nella flessibilità in base alla tua disciplina, tanto più sarai performante e competitivo in gara.
  • si allena come un Atleta: fa il meglio che può con ciò che ha a disposizione.
  • non cerca scuse, non si nasconde dietro gli alibi, ma si concentra per influenzare il proprio ambiente in maniera positiva.
  • non crea zizzania, non parla male degli assenti, e sa che il pettegolezzo è sterile.
  • si comporta da professionista anche quando nessuno lo vede. Anche a telecamere spente e nel segreto della sua stanza.
  • si allena come se fosse secondo, quindi con grande intensità, e gareggia come primo, quindi con grande certezza e una coraggiosa aspettativa positiva.
  • è un entusiasta e trasmette la propria passione per quello che fa.
  • sa distinguere quando è il momento di ridere a crepapelle da quando bisogna lavorare con serietà.
  • è rispettoso di sé stesso, dei compagni, dell’allenatore. Della società, dei tifosi, dell’arbitro e dell’avversario.
  • anticipa mentalmente il successo, perché sa che al pari della preparazione tecnica, atletica e tattica, anche la mente va allenata come un muscolo.
  • ha paura, ma sviluppa l’attitudine a sfidarsi e andare oltre i propri limiti perché sa che la sua crescita prosegue fuori dalla zona di comfort.
  • commette errori, sbaglia, fa cazzate, ma ha l’umiltà di apprendere la lezione e tornare nei binari che lo portano a migliorare.
  • impara a stare nel qui e ora, a godere di quello che sta facendo in questo momento.
  • ama quello che fa, si appassiona ai suoi obiettivi, e arde di motivazione.

Sii un Professionista quanto più puoi.

Comportati come un Professionista.

Giulia Momoli, Sport Mental Coach e Ex-Azzurra di Beach Volley