Livio Sgarbi

Credici fino alla fine. Non mollare, mai.

Nello sport nulla è scontato. Fino alla fine c’è la possibilità di cambiare l’esito di una gara.

“Partita finisce quando arbitro fischia”. Così diceva il compianto Boskov, allenatore di calcio, e non aveva tutti i torti. Non è finita finché non è finita.

Troppo spesso atleti e squadre si lasciano traviare dall’andamento temporaneo andamento delle cose. Chi è in vantaggio e pensa di aver già portato a casa la vittoria, e chi è in svantaggio e pensa di conseguenza di non aver più chances per vincere.

Nulla di più fuorviante.

Nello sport non funziona così. Per quanto sembri oramai scritto l’esito di una gara, bisogna continuare a competere “come se…” tutto fosse ancora in gioco. Questo è l’atteggiamento da campione.

Nella finale di Champion League del 2006, il Milan esce dagli spogliatoi dopo il primo tempo in vantaggio di 3 gol a zero. Un primo tempo a senso unico che sembrava presagire un finale già scritto. In meno di 20 minuti tuttavia, si consumò un vero e proprio dramma inatteso per i rossoneri. Subirono 3 gol e rischiarono di prenderne degli altri. La partita che sembrava da subito nelle mani dei milanisti alla fine consegnò la coppa agli avversari, a dimostrazione che… bisogna crederci fino all’ultimo e lottare finché la gara non è davvero finita.

Vi propongo questo filmato che ha dell’incredibile. Spero che possa essere per voi spunto di ispirazione e motivazione per le vostre prossime competizioni.

 

Livio

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *