Eva Rosenthal

Migliorare la performance: 5 strategie da usare prima della gara

Cosa accade nella nostra mente quando non riusciamo ad esprimerci al massimo del nostro potenziale? Come può l’allenamento mentale aiutare un atleta a dare il meglio di se?

Il risultato di quello che otteniamo nello sport e nella vita può essere riassunto nella seguente equazione:

Performance = Potenziale – Interferenze ossia la performance è uguale al potenziale meno le interferenze. Lascia che ti spieghi meglio:

Il potenziale è il massimo che possiamo dare di noi stessi, a livello tecnico, fisico e mentale. Le interferenze sono tutti quei fattori che vanno a disturbare il risultato della nostra performance, ovvero tutti quei meccanismi di auto sabotaggio inconscio che la nostra mente mette in gioco quando non abbiamo gli strumenti per gestire bene lo stress e la preparazione mentale della gara.

Anche se sei bravo in uno sport, essere preparato tecnicamente non è sufficiente a dare il meglio di te.

Perché succede tutto ciò?  Cosa sono le interferenze?
Spesso quando ci troviamo in situazioni di forte pressione, se non siamo in grado di gestire al meglio le nostre emozioni e lo stress questo “stato emotivo” può giocare brutti scherzi alla nostra capacità di dare il meglio di noi stessi. Infatti quando “non ci siamo con la testa” Si creano le interferenze e spesso perdiamo: concentrazione, freddezza mentale, velocità di reazione, sicurezza in noi stessi e nelle nostre capacità,  molto probabilmente facciamo degli errori e quindi otteniamo scarsi risultati.

Le interferenze o la pressione che un atleta subisce in situazioni di stress sono principalmente di 2 tipi: Interna ed Esterna.

Le interferenze esterne si creano dalla pressione che si genera da ciò che ti dicono o ti fanno pensare le persone che ti stanno attorno, come, ad esempio: i genitori, gli istruttori, gli amici, gli sponsor, i compagni di squadra, gli avversari, i giornalisti, i fan, i tecnici federali, e molti altri. Quello che accade è che spesso le persone a te vicine possono involontariamente dirti o fare delle cose che ti creano o aumentano lo stato di ansia da gara.

Questo può accadere perché magari hai paura di quello che possono pensare gli altri se fai degli errori, oppure perché non vuoi deluderli, o perché pensi che loro si aspettino da te determinati risultati o semplicemente perché vuoi fare un buon risultato per renderli felici. La prima cosa a cui pensare è che se le persone ti vogliono bene lo fanno indipendentemente dai tuoi risultati, perciò abituati ad assumere un atteggiamento mentale meno esigente con te stesso.

Le interferenze interne invece sono tutte quelle cose che tu non mostri agli altri ma che accadono nella tua testa, ad esempio, sono i tuoi pensieri, le tue convinzioni, la stima che hai di te stesso e delle tue capacità, e tutto quello che viene influenzato dal tuo Dialogo Interno e dalla percezione che hai di te stesso. A seconda delle cose che ti dici e dei pensieri che fai vai ad influenzare e creare delle emozioni che possono essere per te utili o meno per il contesto che stai vivendo in quel preciso momento.

Dove vai a porre la tua attenzione, questa diventa la tua realtà! Per questo motivo è importante notare che tipo di pensieri crei e, quando non sono utili, è importante cambiarli! Atteggiamento Mentale vuol dire prendersi la responsabilità dei propri pensieri e iniziare a notare quelli che non sono utili per cambiarli.

Come puoi ridurre al minimo le interferenze e quindi dare il meglio di te in gara?

Per ridurre le interferenze puoi allenarti mentalmente e iniziare ad utilizzare alcune strategie di allenamento mentale prima della gara. In questo modo puoi incominciare a ridurre sia le interferenze esterne che quelle interne per ed assumere un atteggiamento mentale utile e migliorare la tua performance.

Ecco qui 5 strategie di Mental Coaching che puoi incominciare ad utilizzare fin da subito prima di ogni gara o evento importante:

1) Circondati di persone che ti fanno stare sereno, tranquillo e concentrato.  A volte alcune persone ti mettono pressione involontariamente, il più delle volte accade perché queste persone ti vogliono bene e tengono a te ma prima della gara è importante che tu rimanga calmo e concentrato su te stesso e non sugli altri per cui circondati di persone che ti trasmettono sicurezza e ti lasciano concentrare al meglio. Se conosci alcune persone che ti fanno ridere allora stai un po’ con loro prima di iniziare a prepararti, infatti ridere smorza la tensione e ti fa utilizzare la tua fisiologia in modo diverso.

2) Stai più lontano possibile da persone che ti dicono che ti mettono agitazione e dubbi su come andrà in gara. Alcune persone a volte sono molto stressate o vivono la competizione in stati di forte ansia da performance per cui stare vicino a queste persone potrebbe innervosirti e farti influenzare dalle loro insicurezze anche se tu prima in effetti eri tranquillo. Quindi se ti accorgi che alcune persone attorno a te sono agitate e potrebbero trasmetterti la loro agitazione semplicemente allontanati da loro prima della tua gara in modo da poter rimanere tranquillo. Questo non vuol dire smettere di frequentarle, ma semplicemente stare un po’ più lontano da loro durante il tuo momento pre gara. Se pensi che si possano offendere spiega loro in modo carino e gentile “guarda ora prima della gara preferisco stare un po’ solo a concentrarmi, ti raggiungo dopo ok?” .

3) Rimani nel momento presente. La concentrazione e la capacità di dare il meglio di te si amplifica se rimani nel momento presente, nel qui ed ora. Infatti se lasci andare la tua mente e incominci a pensare alle gare che sono andate male in passato o a quello che potrebbe accadere dopo o a quello che devi fare nei giorni successivi, avrai difficoltà di concentrazione. Quindi, se la tua mente inizia a vagare nel passato o andare nel futuro fermala e ritorna a concentrarti sul momento presente. Dì alla tua mente “stai qui!”

4) Fai dei pensieri utili e concentrati sui tuo punti di forza
Se sei in gara è perché ti sei allenato tecnicamente per farla e il tuo istruttore o preparatore è sicuro che tu quella gara la puoi fare, perciò credi in te stesso, concentrati sui tuoi punti di forza e pensa che andrà bene e che tu le cose le sai fare. Non è utile incominciare a pensare alle cose che non sai ancora fare bene perché questo ti farà sentire meno sicuro di te per cui di a te stesso solo cose per te utili!
Sembra scontato ma “che tu creda di farcela o che tu creda di non farcela, avrei comunque ragione” (H. FORD) per cui concentrati sui tuoi punti di forza e fai pensieri utili!

Prima di una competizione secondo te su cosa è importante concentrarsi? Può sembrarti una domanda banale e immagino anche che tu ti dica “beh, è ovvio lo so cosa mi è utile”, ok va bene , so benissimo che tu lo sai, ma la mia domanda è : “Quando sei sotto pressione lo fai?”

Come Mental Coach e ancora prima come Atleta mi capita di ascoltare compagni di squadra o amici che fanno dei discorsi poco utili prima della gara. Quindi ascoltati e se noti che ti fai dei discorsi del genere…. cambiali! Cambia i tuoi pensieri da pensieri non utili in pensieri utili.

Alcuni esempi che ho sentito da alcuni atleti:

Pensieri non utili Pensieri utili
Non ce la farò mai   —> Ce la faccio
Sbaglierò tutto…   —> Lo so fare
Mi dimenticherò il giro   —> Me lo ricordo
Farò una figuraccia…   —> Faccio del mio meglio
Perché sono qui?   —> È tutto ok, sono qui per imparare

 

Utilizzando al meglio i tuoi Pensieri puoi  incominciare ad “allenarti mentalmente” e metterti nello stato d’animo migliore per ogni situazione per poter quindi dare il meglio di te sempre!

5) Immaginati la tua gara al meglio di te
“La mente non riconosce la differenza tra momenti vividamente immaginati e momenti realmente vissuti” ad esempio ti è mai capitato di fare un sogno che ti sembrava talmente vero che ti sei mosso o hai urlato?
Quando sogni la tua mente sta immaginando e visualizzando situazioni come se fossero reali per questo nello sport la visualizzazione viene utilizzata da svegli come tecnica di allenamento mentale per immaginare al meglio la propria gara.

Prima cosa importante da ricordare quando andrai ad immaginarti la tua gara immaginati te stesso al meglio di te, infatti la mente non sa distinguere cosa è per te utile o meno per cui sta a te scegliere cosa e come immaginare la tua gara. Quello che puoi fare prima di una gara o di un evento importante è quello di immaginare te stesso mentre dai il tuo meglio nella gara che stai per fare, meglio ancora se te lo immagini proprio nel capo gara dove stai per entrare.

Immaginarti la tua gara ad occhi chiusi, visualizzandola, ti aiuta a pre-programmare il futuro e quindi ad anticipare mentalmente quello che andrai a fare. Questo aiuta la parte inconscia della tua mente a preparare il tuo corpo ai movimenti farai, a memorizzare ed imparare meglio quello che andrai a fare e a darti la sensazione di averlo già fatto prima facendoti quindi stare più sereno e sicuro di te.

Eva Rosenthal, Sport Mental Coach Ekis

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *