Scopri come essere sempre al top nello sport

A chi non piacerebbe essere davvero Sempre al Top della propria forma nel momento della sfida sportiva? Dai, sarebbe davvero figo. Ma è possibile veramente? E poi cosa significa essere sempre al top? A livello fisico, al di là di infortuni e imprevisti, è difficile essere al meglio per tutta una stagione – andrebbe fatto un discorso specifico per ogni singolo sport- e infatti una delle attività più importanti da programmare in fase iniziale è quella di pianificare l’allenamento in relazione agli impegni e agli obiettivi specifici. Ecco perché sono importanti i calendari gare e un buon preparatore atletico che sappia il fatto suo.

Come puoi immaginare, esiste un’area del nostro allenamento che davvero può essere SEMPRE AL TOP, e che di conseguenza, può condizionare tutta la nostra prestazione.
Ti sto parlando della parte Mentale.
Hai mai sentito qualche notizia su atleti americani di alto livello che, accreditati di un possibile podio olimpico nella loro specialità, si trovano fuori dai Giochi perchè non riescono a qualificarsi durante i trials? Di certo la loro programmazione aveva come focus principale la gara olimpica, e quindi essere al 100% durante i trials non avrebbe comunque avuto senso… ma il risultato finale dimostra che qualche dettaglio è stato erroneamente tralasciato.

Forse proprio a livello mentale. Forse l’attenzione sulla gara futura li ha distolti dalle gare necessarie per qualificarsi. Forse hanno fatto il tipico errore di sentirsi già arrivati e di prendere sottogamba avversari magari inferiori a livello assoluto ma di certo più motivati e determinati per quello specifico evento, essendo per loro già un ottimo risultato l’eventuale qualificazione olimpica.

Forse.
Ma con i “forse” non si cambia il risultato finale. Magari sarebbe bastato correre al 70% delle proprie capacità, o non sottovalutare l’avversario e la gara… Quindi cosa può aiutarti a dare il 70% quando in realtà sei al 50-60% della tua forma? Da cosa arriva quella percentuale in più?

Focus. Determinazione. Concentrazione.
La capacità di accedere a quelle risorse mentali in grado di tirarti fuori dalle situazioni più difficili.
L’allenamento nel farlo al momento giusto.

Peccato che, in quelle occasioni, moltissime volte il classico commento post gara sia qualcosa tipo: sono crollato a livello mentale! peccato, perchè stavo bene…!
Ci si accorge spesso troppo tardi di quanto sia importante il giusto approccio. E poi, altrettanto spesso, viene dimenticato… Da Mental Coach, puoi immaginare che questa cosa mi salti particolarmente all’occhio.

Dopo il 100%, esiste il 110%.

Quando invece sei al massimo della forma?
Quando sei in quella finale tanto desiderata e per cui hai lottato tanto, cosa fa la differenza tra te i tuoi avversari?
Vince sempre il più forte?

Dirti che vince sempre il più forte sarebbe riduttivo.
Intanto dovremmo prima chiederci come definire chi sia “il più forte”, scegliere i parametri di valutazione.
Di certo, talento, tecnica e allenamento sono imprescindibili per poter fare la differenza; ma qual è il collante di tutto questo?
Cosa ti permette di usare tutto il tuo talento per arrivare ai risultati che desideri?
Cosa esalta la tua tecnica e fa sì che anche le tue risorse fisiche ti supportino?

La tua capacità di rendere la tua mente il tuo migliore alleato!

Pensaci.
Sai bene che è così.
Sai bene che nei tuoi migliori successi hai fatto la differenza grazie a caratteristiche che vanno ben oltre l’allenamento fisico!

Facciamo un altro esempio ancora.
Immaginati una finale di un torneo.
Può essere un torneo di pochi giorni o un Campionato Mondiale, non importa.
Per arrivare in finale è chiaro che i due atleti, o i due team, abbiano dovuto passare diverse partite impegnative a livello fisico.
Arrivati agli ultimi minuti della finale, magari al tie-break, nessuno si stupirebbe di trovare tutti molto stanchi, magari allo stremo delle loro forze, magari ad infilare errori tecnici che in altre situazioni sarebbero impossibili.

Cosa farà la differenza tra vincitore e sconfitto?

Probabilmente sarà uno scatto improvviso, una “volata”, magari un gesto tecnico fuori dal comune, o comunque qualcosa di imprevedibile: quando tutto sembrava perduto, quando le energie erano obiettivamente ed evidentemente finite, ecco quel finale decisivo, quell’exploit in zona Cesarini.
In qualche modo, il più delle volte senza saperlo spiegare, uno dei due contendenti riesce ad accedere a quella “riserva” di energia che improvvisamente regala lucidità e concentrazione a sufficienza per chiudere in modo vittorioso la battaglia.
Ecco che ancora una volta la mente e la sua capacità di farci tirare fuori il meglio da ognuno di noi fa la differenza: ecco arrivare quel tanto desiderato, e sbandierato, 110% di noi stessi!

A volte è davvero improvviso, inatteso.
La cosa fantastica è che si può ripetere, allenare, programmare.
Hai capito bene: la tua mente si può programmare!

Avere accesso al meglio di sé è davvero ciò che fa la differenza per i più grandi Campioni dello sport, e può fare la differenza anche per te, ogni giorno!

Non ci sono scorciatoie.
Non è magia.
Non ci sono pillole miracolose.

Solo sano, costante e ripetuto ALLENAMENTO.
E la giusta dose di STRUMENTI nella tua borsa.

Ecco quindi 3 strumenti di coaching che ogni sportivo di successo utilizza per potenziare le proprie prestazioni e che tutti noi possiamo sfruttare per affrontare al meglio i momenti più importanti della nostra giornata.

1 – COMUNICA A TE STESSO IN MODO EFFICACE.

Ognuno di noi ha dentro di sé una vocina.
Chi si prepara a una sfida, deve prestare attenzione a ciò che quella vocina dice.
Bisogna fare in modo che rappresenti un aiuto, un punto di forza.
Non deve diventare fonte di insicurezza e paura.
Le modalità con cui comunichiamo a noi stessi influiscono sulla nostra emotività, che determina lo stato d’animo con cui affrontiamo le situazioni.
Essere responsabili di questo aspetto e averne il controllo, è importantissimo.

2- UTILIZZA TECNICHE DI RILASSAMENTO E RESPIRAZIONE

Imparare a rilassarsi è utile per staccare la spina e per iniziare a respirare consapevolmente meglio.
Il rilassamento porta benefici alla concentrazione e aiuta a recuperare energie fisiche e mentali.
Questa tecnica permette di lasciare andare preoccupazioni, pensieri, tensioni.
Ci insegna a restare nel qui e ora, dove c’è già tutto ciò che ci serve sapere: questa è la credenza che unisce tutti gli Sport Coach Ekis.
Come fare:

  • Dedicati qualche minuto.
  • Ascolta una musica che ti piace in sottofondo.
  • Mettiti comodo e respira profondamente.
  • A occhi chiusi, comincia a concentrarti sul tuo respiro.
  • Respira con l’addome.
  • Ogni volta che inspiri, immagina di portare dentro di te tranquillità e serenità.
  • Ogni volta che espiri lungamente, liberati da stanchezza e ansie.
  • Pensa a un’onda di relax che dalla testa ai piedi rilassa ogni tuo muscolo.
  • Vai avanti per cinque minuti.

3 – CREA UN’ANTICIPAZIONE MENTALE DEL TUO SUCCESSO.

Molte persone, sportivi e non solo, hanno conquistato traguardi importanti grazie all’anticipazione mentale del proprio successo.
Anticipare mentalmente il successo vuol dire visualizzare nel dettaglio le immagini della propria sfida: sportiva o personale che sia.
Significa vedere se stessi al meglio di sé, nella situazione da affrontare, come se stesse avvenendo in quel preciso momento.
Visualizzare è più che “pensare”, perché il linguaggio della nostra mente sono proprio le immagini.
In questa attività è coinvolto ogni senso e più è ricca di dettagli, più diventa efficace: il nostro cervello non distingue tra ciò che è vividamente immaginato da ciò che è reale.
Più si è dettagliati nella visualizzazione, più si riesce a condizionare la mente e a prepararla a quell’esperienza.
Applicando queste semplici ma efficaci strategie alla tua attività sportiva, professionale e alla tua vita privata sono certo che otterrai fantastici risultati.