passaporti falsi inter prescrizione

calciopoli è stato un altro esempio di giustizia “all’italiana”, per cui non ce la toglieremo mai di torno, Qua di “fatto” c’è solamente l’autore di questo articolo: fazioso, inesatto e bugiardo, PULITI GLI INTERISTI HA HA HA HA HA ” MA MI FACCIA IL PIACERE ” INTER VERGOGNATI. Se così fosse rettificherei senza problemi e immediatamente. Le sarei molto grato, quindi, se questa conversazione potesse proseguire in privato, altrimenti scriverò alla redazione di “iogiocopulito”: sono certo che, dopo aver realizzato quanto di sbagliato ha scritto, diverrà quanto meno rosso in viso per la vergogna provata, se è una persona intellettualmente onesta. Gentile Nastasi, sono un giornalista come lei e non ho scritto né insulti né minacce di querela. Studia. Io non ho letto le carte e non conosco le prove addotte per una tale richiesta di rinvio a giudizio, se voleva fare un buon articolo e della buona informazione sarebbe stato sufficiente informarsi su tali prove e pubblicarle se in qualche maniera potevano avvalorare il suo teorema. Infine per chi ancora non fosse convinto porgo una domanda che mi sono sempre fatto ma vorrei la risposta da juventini, interisti o chiunque altro abbia almeno un minimo di cervello: ma secondo voi l’inter imbrogliava per arrivare seconda? Family with 15 infections makes COVID-19 PSA Dichiarazione pesantissima, rilasciata da Ferruccio Mazzola. Il condannato in terzo grado di giustizia penale che chiede la revoca di uno scudetto sulla base di un procedimento sportivo nemmeno avviabile – Palazzi è l’accusa, non il giudice – e lei dà credito a questo, facendo becera disinformazione? Cialtroneggiare non ti farà apparire più pulito. fa male la VERITA’ eh? o no? Eh va beh non e' questo il posto per parlare di queste cose comunque anche l'inter tra passaporti falsi e il resto non le ha rispettate solo che e'andato tutto in prescrizione e tutti felici. E che l’Inter in sede civile e penale non sia stata nemmeno tirata in ballo. Quello che è vero è che Facchetti parlava telefonicamente con qualche arbitro, verissimo. C'è in giro un grande trionfalismo nel mondo interista per la cessione di Mauro Icardi al Psg per 57 milioni dopo una mezza stagione abbondante, diciamo così, in prova. lo hanno venduto due volte? Lazio: qualificarsi agli ottavi di Champions League non è sufficiente per essere una grande squadra Anche le vittorie possono insegnare. Non sono quelli circolati sul web,sono di mio spunto. Le sue prestazioni convincono l’Inter a richiamarlo alla base, ma c’è un problema: Recoba è extracomunitario e la rosa dell’Inter ne conta già cinque, tanti quanti ne permette il regolamento: Simic, Jugovic, Ronaldo, Cordoba e Mutu. E ne sono quasi sicuro, ma devo ricontrollare, patteggiarono anche per la cessione fittizia del marchio per far quadrare i bilanci. Lo scandalo italiano dei passaporti falsi, noto anche come Passaportopoli, fu uno scandalo che colpì il calcio italiano nel 2001 e riguardò la naturalizzazione illecita di alcuni calciatori extracomunitari. perchè siete cosi agitati, la verità fa male. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 5 dic 2020 alle 12:37. Che vergogna! Si trattò del primo caso di falsificazione documentaria nel calcio europeo. “Le leggi sportive recitano che chi produce falsi documenti per costruire falsi passaporti allo scopo di rendere comunitari giocatori extracomunitari deve essere retrocesso La giustizia ordinaria condannò per il fatto un dirigente dell’Inter, e lo stesso calciatore a sei mesi di reclusione. Possibile che si continuino a sommare mele con pere? prevedeva sconfitta a tavolino per ogni partita giocata da recoba. 40, comma 7 delle N.O.I.F. Breve riepilogo: il 6 aprile 2000 scoppia passaportopoli con il caso Veron, accusato di aver presentato documenti falsi per ottenere il passaporto italiano. – tra le quali rilevanti penalizzazioni in classifica e persino la retrocessione a tavolino. Risposta: Sì senza troppe storie. Quello che dice Palazzi può essere in parte vero ma non si può permettere di giungere a conclusioni senza un processo, altrimenti la giustizia è finita. ( può farlo chiunque lo desideri) . Mi fa impazzire questa cosa che la gente non si arrende ai fatti e continua a menar il can per l’aia quando questo cane è già abbastanza stanco di girare. prevedeva sconfitta a tavolino per ogni partita giocata da recoba. Credo che Lei si sia risposto da solo: è patteggiamento quello del Fair play finanziario? Suppone? “Trattate alla stregua di cavie”. Quindi 1+1+1 giustifica “un altro patteggiamento”?. E’ davvero difficile riuscire a infilare così tante castronerie in un articolo scritto coi piedi e volgarmente fazioso come questo. E ne sono quasi sicuro, ma devo ricontrollare, patteggiarono anche per la cessione fittizia del marchio per far quadrare i bilanci. Basta cercare le fonti, invece di fare figure del menga. Evito di farlo tra i commenti perchè, a quanto vedo, c’è gente che si erge ad esperta mettendo insieme il Codice di Giustizia Sportiva ed il patteggiamento in sede penale di Oriali e Recoba, forse ignorando che sono due mondi a compartimenti stagni e che la tanto invocata “penalizzazione di 3 punti per ogni partita” non è mai stata applicata non per via dell’intervenuto patteggiamento, ma perchè Recoba non è mai stato schierato in posizione di (irregolare) comunitario. 19-08-20, 17:10 #14 Lasciate stare le chiacchiere da bar, leggete direttamente le trascrizioni delle telefonate, io l’ho fatto. : commentalo o scrivi il tuo! Moratti, che secondo Palazzi era “informato” dei rapporti tra Facchetti, Bergamo e Pairetto, riuscì comunque a salvarsi nonostante la sua condotta fosse apparsa “in violazione dell’articolo 1 del CGS (Codice di Giustizia Sportiva)”. Ossia c'è stato illecito sportivo. Forse sarebbe meglio tacere, visto che tra l’altro non sono fatti che riguardano la sua squadra, no? Ma di che parla? Corruzione, lattine e tornei giovanili col trucco. Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano... Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro. Incredibile che un giornale come questo possa pubblicare un articolo così fazioso e infarcito di castronerie giuridiche. Con la vicenda Palazzi (che riguarda un’accusa, non una condanna) non c’è stato alcun patteggiamento, nessuna ammissione di colpa, nessun dibattito processuale, nessuna difesa. Ora basterebbe aggiungere un PS a fine articolo: “Gentili lettori del Fatto e della rubrica intitolata, per motivi misteriosi, “Io gioco pulito”, in questo articolo abbiamo messo insieme fatti risalenti a cinque anni fa e fatti più recenti, sentenze non emesse e patteggiamenti avvenuti, eventi con nessuna attinenza l’uno con l’altro, solo con il fine di aumentare il numero dei clic, indignando gli interisti e rendendo felici tutti i tifosi delle altre squadre”. [26][27], Nell'ambito della giustizia ordinaria, il Gip del Tribunale di Udine accolse, nel maggio 2006, la richiesta di patteggiamento dell'attaccante uruguayano dell'Inter, Álvaro Recoba, e di Gabriele Oriali, responsabile dell'area tecnica della società nerazzurra, infliggendo la pena di sei mesi di reclusione ciascuno (sostituita con una multa di 21.420 euro) per i reati di concorso in falso e ricettazione. É il succo racchiuso nel suo libro: il “Terzo incomodo” (Fabrizio Càlzia, Bradipolibri 2004). Perché è tutto il suo articolo a usare toni faziosi. > Passaporti falsi ai calci... Passaporti falsi ai calciatori: patteggiano Recoba e Oriali ... A patteggiare per primi la pena sono stati l'attaccante uruguayano dell'Inter Alvaro Recoba e Gabriele Oriali, ... valutando le altre posizioni anche in considerazione del fatto che per alcuni casi i reati sono prossimi alla prescrizione. Può star sereno che non appena possibile scriverò direttamente alla direazione del suo giornale, mostrando impietosamente le panzane che ha osato scrivere. L’Inter non ha alcuna prescrizione per calciopoli. Dopo che l’inchiesta principale, che vide sul banco degli imputati per illeciti sportivi la dirigenza della Juventus e in particolare l’allora direttore generale Luciano Moggi, portò alla revoca dello scudetto del 2006 che venne di ufficio assegnato all’Inter. Qui una delle fonti:http://www.repubblica.it/sport/calcio/2011/07/04/news/calciopoli_2006_inter_colpevole_prescrizione-18655471/. [29] Dopo le parole di Baldini, in un primo momento Oriali non ha escluso la possibilità di chiedere la revisione del processo, salvo poi rinunciare a tale intendimento. Nelle motivazioni, riportate all’epoca da alcuni importanti organi di informazione come il sito di La Repubblica, il Procuratore Federale scrisse che “erano emerse da parte della dirigenza nerazzurra e in particolare di Facchetti, condotte finalizzate ad assicurare un vantaggio in classifica (all’Inter ndr) mediante il condizionamento del regolare funzionamento del sistema arbitrale”. SONO ricominciate le iene ," antijuventus channel edition" . Come al solito… quando si parla di calcio entrano in ballo i malati di mente tifosi che magari con uno straccio di terza elementare, sapendo a malapena leggere e scrivere, senza alcuna competenza in giurisprudenza e magari senza aver mai visto un filo d’erba di un campo di calcio hanno la presunzione di SENTENZIARE esclusivamente dopo aver attinto qua e là cretinate altrui per sentito dire ma che tirano l’acqua del proprio mulino. prevedeva 3 punti di penalizzazione ogni partita giocata da recoba. Si può essere più incoerenti?», A posteriori, la cancellazione della suddetta norma (la quale era stata definita illegittima da precedenti sentenze della giustizia ordinaria) è stata ritenuta la ragione per cui non furono comminate penalizzazioni di punti in classifica ai club condannati. [15][16], Sono state confermate anche le decisioni riguardanti Lazio, Roma, Udinese e L.R. Perché, non so se lo ha letto, il titolo dice “un altro patteggiamento”. La storia solitamente deve essere riletta a distanza di tempo, quando le faziosità si sono placate e gli eventi sono stati metabolizzati…allora tutto appare più chiaro. Cose ben più gravi di quello che sta passando conte adesso. Altro che limitarsi a riportare i fatti. Moggi e i dirigenti della Juventus hanno una prescrizione dichiarata con sentenza definitiva per associazione a delinquere e una per frode sportiva derivante dall’abuso di farmaci. Prescrizione per la telefonata di facchetti a de santis e patteggiamento per le plusvalenze fittizie e il caso passaporti falsi, che da c.g.s. Mi limito a scrivere di aver riportato i fatti ( che il buon Facchetti, pace all’anima sua, sia stato prescritto e’ un fatto) e aver citato anche le fonti. Questione ben diversa è quella del caso Facchetti. Furono coinvolte società, dirigenti e calciatori di 6 squadre di Serie A (Inter, Lazio, Milan, Roma, Udinese e Vicenza) e una di Serie B (Sampdoria). Il passaporto di Recoba: si cambiarono le regole per non far retrocedere l’Inter Iuliano – Ronaldo, la storia raccontata a modo loro. Vi prego datemi una risposta perchè io proprio non me ne capacito! poi detto tra noi è ovvio che non solo oriali si fosse servito di certi canali per ottenere passaporti falsi, così come è ovvio che non solo nella Juve sia stato praticato il doping (Milan-lab con crescita di Pato, Caso Kallon etc etc) Al termine di quella inchiesta inoltre non fu revocato lo scudetto del 2006 (che era stato assegnato all’Inter, ma d’ufficio) che la Juventus aveva invece richiesto e sul quale Palazzi si espresse dicendo che, proprio a causa della prescrizione, non si poteva più procedere. I commenti possono essere anche faziosi, ma ai giornalisti e’ richiesta una certa etica professionale che manca totalmente all’autore dell’articolo. Forse quando parli di doping ti confondi con i caffè del mago Herrera negli anni ’60 (con relativi morti al seguito). da juventino, lo scudetto 2006 non andava assegnato a nessuno, nemmeno i fascisti nel ’27 si assegnarono lo scudetto…. La ringrazio e attendo sue notizie. La Juventus ha una condanna definitiva del giudice sportivo. Cioè i condannati siamo noi... — Fabrizio Bocca (@fabriziobocca1) 24 Marzo 2015 Non credo che Calciopoli - intesa come il grande scandalo del 2006 che avvelenò e tuttora avvelena il nostro calcio - avrà mai una vera parola fine. Vale a dire operazioni di mercato che l’Inter avrebbe volutamente costruito gonfiando il valore di alcuni giocatori acquistati o ceduti. inter juventus ... in cui l’unico protagonista a rifiutare la prescrizione (si può, si può) ... (lo scandalo dei passaporti falsi). Coda di paglia? Che non è un giochino per pochi, ve lo ricordo, ma uno degli interessi prevalenti degli italiani (si può anche dire purtroppo) nonché una delle leve del potere in Italia, come vent’anni di berlusconismo hanno così sapientemente illustrato. Ancora a tentare di infangare il buon nome del povero Giacinto Facchetti. Lo scandalo italiano dei passaporti falsi, noto anche come Passaportopoli, fu uno scandalo che colpì il calcio italiano nel 2001 e riguardò la naturalizzazione illecita di alcuni calciatori extracomunitari. L'art. Che miseria umana … se tornaste all’agricoltura visto che come “intellighenzia” valete meno del mago Othelma , SCUSATE TUTTI MA DI COSA STIAMO PARLANDO LA JUVENTUS A PAGATO A LOTTATO è TORNATA GRANDE PENSIAMO AL FUTURO QUELLO CHE CONTA UNA BUONA SERATA A TUTTI, L articolo sarà pure scritto non bene come dite alcuni.un dato di fatto c’è c’era e resterà che dal secondo filone l inter risultò passibile di un illecito poi non punibile ormai.lasciate stare la fede calcistica e guardate i fatti lo scudetto 2006 non andava assegnato a nessuno. Mi dispiace leggere commenti di insulti ( ma un effetti può starci) o peggio di gente che invoca possibili querele. Hanno dichiarato prescritto un morto a mezzo stampa. E giustamente direi. A livello penale la prescrizione non era scattata ma semplicemente i giudici non hanno rilevato condotte illegali da parte della società nerazzurra. questo presunto illecito non arrivo’ mai a giudizio per sopravvenuta prescrizione, quindi si puo’ dire che il Procuratore Palazzi ipotizzo una presunta violazione dell’articolo 6 e un conseguente ipotetico illecito sportivo. Ottenuto grazie “ all’esistenza di una rete consolidata di rapporti di natura non regolamentare instaurati tra i designatori Bergamo e Pairetto e appunto il presidente dell’Inter Facchetti”. In effetti, la prescrizione triennale, introdotta dal regolamento (Euratom, CE) n. 1355/96(84), viene applicata solo a partire dal 14 luglio 1996 e non ha effetto retroattivo. «Se il Consiglio Federale della FIGC dovesse revocare lo scudetto 2006, si verificherebbe un precedente molto interessante. Sembra il parto di un ultras bianconero ubriaco, Sicuramente LEI è interista e non gradisce la VERITA’ VERGOGNATEVI. Una ricostruzione neutrale della vicenda dei passaporti falsi che ad inizio 2000 scosse il calcio italiano e che ancora oggi fa gridare allo scandalo alcuni tifosi. Quindi è sbagliato parlare di “altro patteggiamento”? Ecco, così va meglio. L’inter, infatti, oltre ad aver patteggiato in questa situazione, lo ha fatto anche nel caso del Fair Play Finanziario. LUCIANO MOGGI. Infatti, se passasse il nuovo principio secondo il quale “l’Etica non va in prescrizione” e su questo si decidesse di togliere il titolo del 2006 all’Inter, si aprirebbe uno scenario a … Tutto poi per cercare di dire “Eh sì, calciopoli è colpa dell’Inter, erano loro che dovevano andare in serie B, altro che quell’onesta società che è la Juve!” Peccato che tutti i gradi di giudizio (penali, questi sì, non sportivi come nel caso dell’accusa di Palazzi) abbiano detto il contrario. Nell’inchiesta cosiddetta di “Calciopoli bis” che vide coinvolta anche la società all’epoca di Massimo Moratti, a salvare i nerazzurri fu la prescrizione. All'Inter ho trovato davvero una mentalità vincente in tutti, come mai mi era capitato nel corso della mia carriera. «L'Inter violò l'articolo 1». L’operazione di mercato nagatomo-garritano-caldirola c’è stata e se l’inter ha patteggiato significa che qualcosa avrà fatto, anche se si tratta di una questione puramente fiscale (per nulla paragonabile a quanto fatto da Moggi e co.). L’autore di questo articolo è passibile di diffamazione…per l’acquisto di Nagatomo è il Cesena ad essere imputato (e condannato) per illecito. Cordialmente. Come ha precisato il pm Narducci in un’intervista recente, le telefonate relative all’Inter come quelle relative alla Samp e ad altre squadre vennero ritenute irrilevanti senza che vi fosse alcuna prescrizione e si decise di non procedere. Già quest’errore tecnico, del quale immagino lei non sia responsabile, è significativo: il titolista è incorso nell’errore leggendo il suo pezzo, perché il suo pezzo è scientemente strutturato in modo da indurre a una lettura di questo tipo, persino il titolista ci è cascato. Si trattò del primo caso di falsificazione documentaria nel calcio europeo.[1]. Lei dovrebbe rendersi conto che, con il suo orrendo articolo, consente di parificare situazioni totalmente diverse: da un lato una condotta che ha portato dopo innumerevoli giudizi sia penali che sportivi a gravi condanne definitive (la prescrizione ha peraltro impedito che si risalisse più indietro con gli anni: ma proprio perché non vi è giudizio possibile, nessuno si sogna di pretendere la revoca degli scudetti del sistema Moggi ante 2006); dall’altro, le parole irrituali di un procuratore sportivo che ha espresso un proprio parere personale, essendo impossibile ogni giudizio in merito. In base delle norme sportive in vigore all’apertura delle indagini, le squadre coinvolte rischiavano di essere sanzionate, anche con corpose penalizzazioni in classifica. Adesso, per quell’operazione e anche per un’altra che ha riguardato il difensore Luca Caldirola, l’Inter sarà costretta a pagare (a fronte del patteggiamento concesso dalla Procura federale) una multa di 90 mila euro. Articolo di pessimo gusto, fazioso e pieno di inesattezze……certe cose pensavo di leggerle solo su tuttosport……non e’ cosi…che delusione, Buonasera a tutti i lettori. [30], Sentenza della Commissione di Appello Federale, Passaporti: assolto Veron, un anno a Recoba, Da domenica via libera agli extracomunitari, All’origine dello scandalo "Passaportopoli", Comunicato ufficiale n. 507 del 27 giugno 2001, Passaporti falsi: patteggiano Recoba e Oriali - Gazzetta dello Sport, Campionato Federale di Prima Categoria 1908, Campionato Italiano di Prima Categoria 1909, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Scandalo_italiano_dei_passaporti_falsi&oldid=117094578, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Classifica perpetua del massimo campionato nazionale (. Il fratello di Sandro, morto nel 2013 sosteneva fossero proprio le “riserve” a “testare” la bontà del prodotti del “mago” Helenio Herrera. L’accostamento e’ derivato soltanto da queste ragioni. Se le legga e prenda un maalox. Ho letto anche la sua precisazione nei commenti e le dico che non deve essere il lettore a portare carte e documenti per contestare un articolo ma esattamente il contrario, cioe’ il giornalista deve essere in grado di dimostrare che quello che scrive corrisponda a verita’. ?Quindi tutte le accuse sulla juve sono vere e bravi i giornalisti,quando tocca specie all’INTER c’è la faziosità?? Però non dobbiamo negare e offendere l’autore di questo articolo solo perchè siamo interisti! Telefonata di facchetti ad un arbitro, illecito sportivo, è stata nascosta fino allo sbobinamento della difesa di moggi, quando il reato era già prescritto. baldini, non sabatini e non camba nulla. Il patteggiamento cui (di nuovo) si fa riferimento nel titolo non esiste. Al di là del crimine linguistico: guai penali ben peggiori? E non è la prima volta che la società di corso Vittorio Emanuele riesce in un modo o in un altro a salvarsi dalla giustizia sportiva. Corruzione, lattine e tornei giovanili col trucco. Cose che accadono solo in Italia che una volta era la patria del diritto. Pop star's appearance at AMAs explained. narducci adesso non fa più il PM. prevedeva infatti che nelle gare ufficiali le squadre potessero utilizzare in ambito nazionale solamente 3 dei calciatori extracomunitari. Vicenza con le seguenti eccezioni:[16], All'indomani delle sentenza di primo grado, la firma del Corriere della Sera Giorgio Tosatti criticò le condanne, definendole «incoerenti e sproporzionate», a fronte della cancellazione, avvenuta il 4 maggio, della norma federale che imponeva alle società italiane il limite di tre calciatori extracomunitari impiegabili[23] (una decisione molto discussa, e che si rivelò decisiva, col senno di poi, per l'esito del campionato 2000-2001):[24][25], «Mi preme sottolineare l'incoerenza di comportamenti sulla vicenda degli extracomunitari. Un saluto alla redazione che stimo e ammiro per la sua indipendenza e onestà intellettuale. Articolo inesatto, fazioso, superficiale e scritto senza dubbio alcuno da persona partigiana oltre che incompetente. Madonna Fabio brucia la verità eh? Se il giornalista ha scritto questo articolo avrà le sue fonti e sicuramente non si è inventato nulla. Gli juventini pensino al salvataggio grazie alla prescrizione sul doping e cosa disse il procuratore Guariniello in merito. Impari a leggere e dia del tonto ai propri familiari, idiota. siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii purtroppo si, Con questo articolo avete fatto tremare barbara d’urso, solo lei forse riesce ad essere più ridicola, peccato che di tanto in tanto mettete in mano di pseudo giornalisti articoli che vedono impegnati sia politicamente sia sportivamente milioni di persone che si infamano a vicenda. Ringraziate che non siete finiti in Serie B come la Juventus visto che all’epoca di calciopoli vi siete salvati grazie alla prescrizione. Al massimo prescrizione (solo in ambito di giustizia ordinaria) riguardava l’abuso di farmaci leciti (una cosa che facevano tutte le squadre di serie A e che non era previsto come illecito da alcuna norma penale, nè da alcun regolamento del codice di giustizia sportivo). Tra club e dirigenti nerazzurri, l’Inter … Se tu sei giornalista, io sono il prossimo presidente dell’Inter. E aggiungo come si legge alla fine dell’articolo anche dopo il patteggiamento di Oriali ( che per carità non è l’Inter ma un dirigente della società) per i passaporti falsi. Pure cecato sei, cialtrone. Tonto. Inoltre un morto non può essere dichiarato prescritto. Patteggiare una multa non è onorevole, senza dubbio: ma usare toni tali da parificare questa condotta a quella del sistema Moggi significa (far finta di) non comprendere la differenza tra una contravvenzione per divieto di sosta e una rapina, A me sembra che il titolo sia tornato quello originale. Facchetti chiamava gli arbitri per dire di non fischiare il rigore su Ronaldo?? La sentenza di primo grado, emessa dalla Commissione disciplinare della Lega Calcio il 27 giugno 2001, è stata la seguente:[2], La Commissione di Appello Federale, dopo le riunioni del 17 e 18 luglio 2001, ha confermato le decisioni prese in primo grado relativamente a Inter,[13] Milan,[14] e Sampdoria. Non per forza i dirigenti sono santi, qualche magheggio capiterà di farlo anche a loro così come successe con i passaporti.

Numero Maglia Diego Carlos, Il Ritorno Dei Dinosauri, Produzione Delle Banconote, Consoli Romani Elenco, Hisense Condizionatori Scheda Tecnica, L'eredità Ieri Sera Video, Reverso Context Tra, Abbreviazioni Ruoli Fifa 19,